Settori Serviti
ELETTROEROSIONI - LUCIDATURA FLUSSO ABRASIVO - SBAVATURA TERMICA
EUROSAT S.R.L. Unipersonale
Via Trento, 139 Fenili Belasi Capriano del Colle (BS) Tel./Fax: +39 030 97 49 952 P.iva - C.F. - Iscr. Reg. Impr. 03465570178 NUMERO REA: BS-403110 Capitale Sociale: € 15.300,00 Posta Certificata: eurosat@legalmail.it
Automobilistico Sbavatura e lucidatura bordo ed intersezione fori
Medicale Lucidatura e sbavatura protesi in titanio o materiali speciali
Aereospaziale / Aviazione la tecnologia senza rivali per il miglioramento di superficie e contornatura spigoli
Alluminio Lucidatura e decappaggio di matrici di estrusione
PVC / Plastica Lucidatura di matrici e calibratori  per estrusione Pvc
Idraulica / Pneumatica Sbavatura e lucidatura
Tessile Lucidatura e superfinitura camme e componenti meccanici
 Elettroerosione a Filo
Un metodo innovativo e flessibile Una delle caratteristiche vincenti di questa tecnologia è quella di lavorare sempre in condizioni ideali qualsiasi tipo di metallo: rame, ottone, alluminio, acciaio, materiale temprato, carburo di tungsteno e altri materiali conducibili come per esempio la grafite.L'elettroerosione a filo è diventata indispensabile nella produzione di stampi ditranciatura per termoformatura, stampi per l'industria alimentare, estrusori e trafile. In questa applicazione un filo conduttore teso è usato come elettrodo per tagliare o profilare il pezzo da lavorare. Il filo, immagazzinato in una bobina, viene cambiato di continuo durante la lavorazione, in quanto, essendo sottoposto all'usura delle scariche e allo stress di dilatazione, finirebbe per spezzarsi spesso, interrompendo la lavorazione.
Il filo solitamente è costituito da rame di buona qualità, al fine di ottenere la massima conducibilità, e ricoperto di ottone per migliorarne la capacità conduttiva, ed il suo diametro non supera che pochi micron: 0,02 - 0,03 mm. Il filo inizia la sua esecuzione al bordo del pezzo da lavorare, oppure in un foro praticato nel pezzo stesso. Ogni scarica elettrica che si ripercuote sul conduttore cioè il filo va ad asportare del materiale, questo incide sull'usura del conduttore e la bobina lascia correre un nuovo spezzone di filo che eseguirà un'altra erosione. Grazie al potere erosivo creato dalle scariche elettriche sul conduttore, il filo non entra mai in contatto fisico con il pezzo in lavorazione. Il pezzo risulta immerso in un fluido dielettrico (es. acqua distillata) in apposito alloggiamento della macchina: quando la differenza è consistente tra il dielettrico (negativo) ed il conduttore (positivo), la scarica elettrica si libera nel fluido permettendo all'elettrodo di svolgere il suo compito, ovvero asportare materiale.
Elettroerosione a Filo Elettroerosione a Filo